07
Set

L’illuminazione degli uffici è data da un mix di luce naturale, generale e locale: scopriamo cosa sono e come possono migliorare la produttività

 

La qualità della luce nei posti di lavoro viene spesso sottovalutata pur incidendo direttamente sulla produttività: recenti studi dimostrano infatti che circa il 68% dei dipendenti non è contento di come è illuminato il proprio luogo di lavoro, evidenziando in quei soggetti un calo netto delle performance lavorative.

La qualità dell’illuminazione di un qualsiasi luogo di lavoro è data dall’equilibrio tra 3 componenti, che se ben equilibrate possono mettere le persone in condizione di rendere nettamente di più.

LUCE NATURALE: quella proveniente dall’esterno, attraverso le finestre, i lucernai o le porte a vetro.

LUCE GENERALE: la luce artificiale generata dai corpi illuminanti, montati generalmente a soffitto o sulle pareti.

LUCE LOCALE: quella luce che interessa lo spazio di lavoro o le singole postazioni.

Le condizioni ottimali con un’illuminazione generale tra i 300 ed i 500 lux, valori sotto i quali si manifesta un calo del rendimento e un innalzamento della probabilità per i dipendenti di commettere degli errori. È quindi importante bilanciare le tre componenti in modo da garantire tali valori, evitando zone d’ombra o aree più illuminate.

LA LUCE NATURALE HA EFFETTI POSITIVI SULLA SALUTE E SULL’UMORE

Garantire una luce corretta sfruttando al massimo quella naturale è la soluzione migliore: vari studi hanno infatti dimostrato che questa tipologia di illuminazione produce effetti positivi sulla salute e sull’umore di chi lavora. Tuttavia, non è sempre possibile avere a disposizione locali con queste caratteristiche e, soprattutto, in cui questa qualità di luce possa essere garantita in tutte le stagioni ed in tutte le postazioni di lavoro presenti.

LA LUCE LED È LA PIÙ SIMILE A QUELLA NATURALE

Grazie ai nuovi sistemi di illuminazione a LED è possibile riprodurre una luce molto simile a quella naturale, offrendo una qualità alta di illuminazione. Le sorgenti LED, infatti, hanno un’alta resa del colore, consentendo di vedere meglio gli oggetti e di offrire un comfort visivo ottimo.

COME GARANTIRE UNA LUCE COSTANTE A TUTTE LE ORE

Esistono dei sensori, chiamati DayLight, in grado di regolare la luce artificiale in funzione di quella disponibile naturalmente. Questa tecnologia garantisce una luce di qualità e, soprattutto, costante in tutte le ore di permanenza in ufficio dei dipendenti.

LA STABILITÀ DELLA LUCE

Altra caratteristica importante della luce è la sua stabilità. Spesso capita di subire uno sfarfallio della luce percepibile come dei piccolissimi aumenti e cali di intensità, un po’ come accadeva negli schermi dei computer più datati. Questa caratteristica rappresenta un grave fattore di disturbo, da evitare assolutamente.

Se nel tuo ufficio riscontri quotidianamente qualcuno dei disagi elencati in questo articolo forse è giunto il momento di dare nuova luce al tuo business. Miteco ha sviluppato negli anni una grande esperienza in questo settore, offrendo soluzioni ottimali ed allo stesso tempo capaci di garantire risparmio energetico ed eco-sostenibilità degli impianti. Contattaci per richiedere una consulenza gratuita e farti un’idea di come offrire al tuo ufficio una illuminazione migliore, il nostro team è a tua disposizione!